ristorante la ritrovata

Caorle ristorante la ritrovara, Caorle Ristorante La Ritrovata,caorle, specialità pesce,
località Falconera Casoni, spiaggia di Levante, rigatoni alla pescattora, spaghetti alla pescatora,
tagliolini scampi e granchio, risotto, risotto al pesce, risotto alla pescatora, antipasti di mare, antipasti di pesce,antipasti gamberi
fritto di pes
ce, antipasto moscardini,antipasto di pesce misto

A levante di Caorle, immerso nel verde della zona dei casoni, regno dei pescatori, si trova il Ristorante La Ritrovata da Eugenio.
Eugenio propone una cucina gustosa e fantasiosa in cui l' unico protagonista è il pesce: grigliate classiche, fritture, frutti di Mare, gli originali e popolari Rigatoni alla Pescatora, e gli Spaghetti e Risotto di Mare. Potrete gustare il pesce in questo ambiente rustico e simpatico secondo la maniera dei vecchi capanni dei pescatori.

Eugenio e il suo staff vi augurano Buon Appetito

Clicca qui per una visita virtuale alle nostre sale:
Sala Grande Saletta Bar

Ristorante La Ritrovata 30021 Caorle (Ve), Via dei Casoni 8 tel. +39 0421 210001 fax +39 0421 217134 info@laritrovata.com


La Ritrovata da Eugenio is situated in Levante di Caorle, surrounded by the greenery of the area of the casoni, the domain of the fishermen. Eugenio's tasty , original cooking is based entirely on fish: classic grills, fried fish, shellfish, the original favourites : Rigatoni alla Pescatora and the Spaghetti and Risotto di Mare. Enjoy a Tasty plate of fish in this friendly, rustic setting that refleets the atmosphere in the old fishermen's huts.

Bon Appetit from Eugenio.

Clicca qui per una visita virtuale alle nostre sale:
Sala Grande Saletta Bar

Ristorante La Ritrovata 30021 Caorle (Ve), Via dei Casoni 8 tel. +39 0421 210001 fax +39 0421 217134 info@laritrovata.com


Im Osten Caorles, mitten im Grünen, im Gebiet der casoni (Landhäuser) - das Reich der Fischer - befindet sich das Restaurant La Ritrovata da Eugenio. Eugenio Schlägt eine geschmackvolle , phantasiereiche Küche, in welcher der Hauptdarsteller der Fisch ist, Vor: Klassisckè Grillplatten, gebackene Meerstiere, Meeresfrüchte, die Hausmannskost Rigatoni - Nudeln mit Fischsauce nach Pescatora Art, die Spaghetti und den Risotto mit Fisch. Sie können diese Fischspeisen in diesem rustikalen, nach Art der alten Fischerhütten ausgestattetem Lokal geniessen.

Eugenio wünscht Ihnen Guten Appetit.

Clicca qui per una visita virtuale alle nostre sale:
Sala Grande Saletta Bar

Ristorante La Ritrovata 30021 Caorle (Ve), Via dei Casoni 8 tel. +39 0421 210001 fax +39 0421 217134 info@laritrovata.com

Musica: Play Stop


À l’Est de Caorle, plongè dans le verte de la zone des ‘casoni’, royaume des pêcheurs, on trouve le Restaurant ‘La Ritrovata chez Eugenio’.
La cuisine d’Eugenio est savoureuse et fantaisiste; c’est le poisson le protagoniste absolu: grillés classiques, frits, fruits de la mèr, les originaux et bien connus ‘Rigatoni alla Pescatora’ (pâte avec poisson), ‘Spaghetti’ et ‘Risotto di mare’ (riz avec poisson). On peut goûter le poisson dans un milieu rustique et sympathique, selon la faiçon des vieilles cabanes des pêcheurs.

Eugenio et son staff vous souhaite Bon Appetit!

Presse ici pour une visite virtuelle à notres salons:
Salon Grand Salon Petit Bar

Ristorante La Ritrovata 30021 Caorle (Ve), Via dei Casoni 8 tel. +39 0421 210001 fax +39 0421 217134 info@laritrovata.com

Musica: Play Stop

À l’Est de Caorle, plongè dans le verte de la zone des ‘casoni’, royaume des pêcheurs, on trouve le Restaurant ‘La Ritrovata chez Eugenio’.
La cuisine d’Eugenio est savoureuse et fantaisiste; c’est le poisson le protagoniste absolu: grillés classiques, frits, fruits de la mèr, les originaux et bien connus ‘Rigatoni alla Pescatora’ (pâte avec poisson), ‘Spaghetti’ et ‘Risotto di mare’ (riz avec poisson). On peut goûter le poisson dans un milieu rustique et sympathique, selon la faiçon des vieilles cabanes des pêcheurs.

Eugenio et son staff vous souhaite Bon Appetit!

Presse ici pour une visite virtuelle à notres salons:
Salon Grand Salon Petit Bar

Ristorante La Ritrovata 30021 Caorle (Ve), Via dei Casoni 8 tel. +39 0421 210001 fax +39 0421 217134 info@laritrovata.com

Musica: Play Stop


Moules

Couteaux

Vongole
Coquilles Saint-Jacques

Insalata di mare

Carpaccio di tonno e spada

Huitres
Fruit de mer Super

 

Macaroni à la marinière

Riz de poisson

Spaghetti aux scampi

Spaghetti ai frutti di mare

Spaghetti aux clovisses
Spaghetti cozze e scampi

Ristorante La Ritrovata 30021 Caorle (Ve), Via dei Casoni 8 tel. +39 0421 210001 fax +39 0421 217134 info@laritrovata.com

HISTORY

The historical and cultural identity of Caorle is without doubt symbolized by the town's thousand-year-old Cathedral and majestic bell tower, which have greeted visitors from the rest of Italy and beyond from time immemorial. Tourists may enjoy a leisurely walk through the streets of the old town after a day spent by the sea, discovering the hospitality of this unmistakably Venetian village. Once a loyal subject of the Venetian Republic, today Caorle is one of the most beautiful seaside resorts in Italy. The town has preserved the typical flavor of a fishing village bound to ancient traditions, in spite of the fact that it is a modern tourist attraction known throughout Europe.
The origins of the town can be traced back to the time of the Roman Empire, when the current-day port at Falconera was known as Portus Reatinium, and boats traveling up the Lemene River to the Roman cities of Julia Concordia and Opitergium docked here. The area was first settled long before that, however. Settlements dating back to the Bronze Age have been discovered in the countryside near San Gaetano. The exciting discovery of an old Roman ship from the first century A.D. was made off the shore of Caorle in 1992. The ship was still loaded with its precious cargo of vessels.The origin of the town name is not certain, just as we do not have a complete picture of the ancient history of the place. It is thought that the early name "Caprulae" was given to the town because there were goats here, or perhaps because the pagan goddess Capris was popular here. The name Bella Petronia is thought to have originated in honor of the Latin writer Petronius Arbitrius, who lived in the first century A.D. and whom some scholars believe was the first tourist to visit these shores.
After the fall of the Roman Empire, Caorle became one of the most important towns along the coast near Venice. It made an important contribution to the founding of Venice when people from the remote islands in the lagoon found refuge here from the barbarians that invaded and destroyed Aquileia, Concordia, Oderzo, Altino, and Padua. Caorle was made the Episcopal seat, and the Cathedral was built in 876 by Bishop Leone. The churches in the area were completed in the year 1000. Throughout the following centuries, the town grew and flourished, providing ships and sailors for the Venetian Republic. Caorle fell into decline at the time of the fall of the "Serenissima". Following rule by Austria in the nineteenth century and two world wars in the twentieth century, renewal began in Caorle in the 1950's, stimulated by the tourist business, which brought development and a high standard of living to the area within several decades.


A TOUR OF THE TOWN
ARCHEOLOGY
An important chapter in the study of the upper Adriatic Sea as an archeological site began in the spring of 1992, when an old Roman ship was found in the open sea. The boat is almost 23 meters long and 9 meters wide, and lies on its side at a depth of 25 meters. It is still loaded with hundreds of old amphorae that are in good condition due to the fact that the ship sank to the bottom of the sea in more or less an upright position. Five of these ancient vessels were removed from the ship, and have allowed archeologists to date the shipwreck to the end of the second century or the beginning of the first century B.C. A dark film that covers the walls of the boat has led to the almost certain belief that it was transporting wine. The boat was probably traveling north to that great business center known as the "Northern Rome", or the old city of Aquileia.
CAORLE CATHEDRAL - Caorle served as Episcopal seat for a thousand years, and its great Cathedral was built in 1038, at the same time as other cathedrals were built in the lagoon area, such as those of Torcello and Equilio, and St. Mark's of Venice. As one enters the ancient building, one is immediately struck by the grandeur of the 18 columns and pillars which are linked together by well-spaced arches. They are placed in a double line with 9 columns on each side, with brick pillars alternating with Greek-style marble columns. Among the many precious treasures housed in the Cathedral and the adjacent Liturgical Museum, is the Golden Altar-piece. It is made up of six tablets thought to be from Cyprus, which according to legend were donated to the Cathedral in 1489 by the Queen of Cyprus, Catarina Cornaro.
THE LITURGICAL MUSEUM - The museumis located in what was once the bishops' private chapel, on the other side of the rectory lawn. The museum was opened in the mid-1970's. It houses sacred vestments and very old relics that provide a closer look at the art of ecclesiastic jewelry in the Upper Adriatic region from the Dark Ages to the nineteenth century. The pieces demonstrate an art that was constantly evolving, and often influenced by styles in nearby Venice. Much of the material in the museum consists of pieces made of silver, with some copper pieces as well. One of the most interesting exhibits is the cranium and blood of St. Stephen the Martyr, to whom the Caorle Cathedral is dedicated.

TRADITIONAL CUISINE
Fish from valley streams, the lagoon, and the sea make up the basic ingredient for many typical dishes from Caorle. The culinary traditions of the area developed in connection with the large daily supply of fish brought in by the local fleet, and the ability of local chefs to concoct delicious dishes with the fresh fish. The Venetian influence is felt strongly, and from time immemorial, fried seafood, fish chowder, and even charcoal grilled fish, have been featured on the everyday dinner table and at holidays. What may be called true "restaurant gastronomy" has developed only in recent years, due mainly to an influx of tourists to the area. This has led to the re-elaboration of old fishermen's recipes calling for piping hot "white polenta", freshly cooked or roasted on the grill, as a must with every good seafood dish. Fish chowder is certainly one of the most popular dishes. It is made using all types of fish, which explains its extremely savory flavor. The most famous dish in Caorle is "Broéto Caorlotto". This was the fishermen's staple food during their long periods in their huts by the sea, and was made using "poor fish", or the part of the catch that could not be sold. Another traditional dish from Caorle is "Sardèe in Saòr", which is fried sardines marinated in olive oil, sautéed onion, salt and vinegar. This delicate yet strong- flavored specialty was a peasant invention. "Spèo de Bisàto", or eel shish kebab, is also an old recipe that originated in the fisherman's hut. Fishermen used to chop eels into pieces without cutting through the skin completely. They would then put them on long wooden skewers and place these on the clay back of the oven, which served as a heat insulator. Pasta has been introduced only recently to the fisherman's diet, and spaghetti with clams, mussels, and lobster has immediately become very popular. Rice is an extremely versatile staple, and is used to prepare risottoes of incomparable flavor, made with seafood, cuttle-fish, "gò", eel, and recently with shrimp and zucchini blossoms. Not to be overlooked by any means are the delicious grilled or fried sole, plaice, sea bass, bream, mullet, stewed cuttle-fish with polenta, fried squid, scallops, razor shell and carpet shell clams, and scampi.


Ristorante La Ritrovata 30021 Caorle (Ve), Via dei Casoni 8 tel. +39 0421 210001 fax +39 0421 217134 info@laritrovata.com
Testi tratti da : ' Comune di Caorle - Vivi la Città '

La Città di Caorle negli ultimi decenni ha conosciuto un rapido sviluppo e quello che era un tempo un borgo di pescatori é diventato, pur conservando intatto il suo fascino originario, un rinomato centro di villeggiatura in grado di offrire ai turisti ed ai residenti numerosi servizi forniti dalle istituzioni pubbliche e dalle imprese private presenti nel territorio comunale.

Vi invitiamo a conoscere Caorle, con la sua spiaggia attrezzata che si estende per 15 km lungo il litorale dell'alto Adriatico, il centro storico con il porto peschereccio, l'originale torre campanaria cilindrica e la cattedrale romanica, il ricco patrimonio legato all'ambiente ed in particolare alla laguna che ospita i tipici "casoni" dei pescatori e per finire le numerose manifestazioni che trovano ospitalità tutto l'anno: il simposio internazionale "Scogliera Viva", il Festival Internazionale del Teatro di Strada, la Festa del pesce e la rappresentazione in costu me "Caorle Vivistoria" e molte altre....

Se nei secoli passati l'isola Caprulana fu porto marittimo per grandi navi onerarie romane che qui approdavano per rifornire di vini ionici, olio e derrate le importanti città di Julia Concordia e Opitergium, e poi delle galee della Serenissima Repubblica di Venezia, oggi Caorle è méta di turismo internazionale che l'ha eletta a località di villeggiatura per soggiorni balneari, culturali e ambientalistici.


Cenni storici

L'identità storica e culturale di Caorle sono senza dubbio rappresentate dal millenario duomo e dal maestoso campanile cilindrico che da sempre simboleggia l'immagine della città e da sempre accoglie ammiccando agli ospiti che giungono fin qua dall'Italia e dall'estero.
Poco lontano, nelle vie del centro, i turisti si possono godere una piacevole e rilassante passeggiata, magari dopo una giornata di sole e mare, scoprendo l'ospitalità di una cittadina dalle inconfondibili origini veneziane.
Caorle, un tempo città del Dogado e fedele suddito della Serenissima Repubblica di Venezia, di cui ricorda la popolana atmosfera nei campielli e nelle calli del centro storico, è oggi una località balneare tra le più belle d'Italia. Pur essendo oggi, con Porto Santa Margherita e Duna Verde, un moderno centro turistico conosciuto in tutta Europa, ha mantenuta intatta la caratteristica di borgo di pescatori profondamente legato alle sue antiche tradizioni.

Le Origini

Le origini di Caorle sono riconducibili all'epoca romana quando l'attuale porto di Falconera era il Portus Reatinium per marinai delle navi che risalivano il corso del fiume Lemene verso le città romane di Julia Concordia e Opitergium. Ma già da molto prima questa zona c'erano degli insediamenti, lo testimonia la scoperta di un villaggio protostorico risalente all'età del bronzo (almeno 1500 anni prima di Cristo) nelle campagne di San Gaetano.Le origini romane di Caorle sono confermate dal clamoroso rinvenimento archeologico di una nave romana del I sec. d.C. ritrovata al largo del mare di Caorle, completamente intatta col suo prezioso carico di anfore.
La storia di Caorle ci è stata solo in minima parte svelata, così come il significato del nome attuale.
Caprulae, forse perché isola abitata da capre oppure per il culto della dea pagana Capris. Bella Petronia, forse in onore dello scrittore latino Petronio Arbitrio I sec. d.C.) che qualcuno vuole essere il primo turista di questi lidi, dato che a ridosso della laguna è stata effettivamente rinvenuta una casa romana antica.
Con la caduta dell'Impero Romano, caorle diventa una delle città più importanti del litorale, tanto da contribuire in modo decisivo alla fondazione di Venezia quando le genti della terraferma nelle remote isole delle lagune trovarono scampo alla devastazione delle orde barbariche che misero a ferro e fuoco Aquileia, Concordia, Oderzo, Altino e Padova. Caorle ospitò i profughi Concordiesi e fu eretta sede vescovile, nell'anno 876 la cattedra era retta dal vescovo Leone e nel Mille si completa l'edificazione delle sue chiese. Nei secoli successivi la città cresce e diventa "ricca de zente e de possenza", fornisce navi e marinai alla flotta veneziana, ma il suo declino coincide con la caduta della Repubblica Serenissima.
Dopo il dominio asburgico nell'800, dopo le due guerre mondiali, negli anni '50 ricomincia un'altra rinascita, legata all'economia turistica che in pochi decenni ha portato benessere e sviluppo.

Itinerario Storico - Artistico


Rio Terrà, calli e campielli

Rio Terrà è uno dei "salotti" all'aperto più visitati del Veneto. Non solo d'estate i numerosi turisti in vacanza qui si ritrovano per la passeggiata serale, anche fuori stagione in molti scelgono di trascorrere qui le domeniche o i giorni di festa.
Motivo d'attrazione è questo ambiente unico nel suo genere, paragonabile solo alle policrome case di Burano ma, rispetto alle isole veneziane, facilmente raggiungibile dall'entroterra.
Rio Terrà significa canale interrato, perché Caorle fino a metà '800 era tutta percorsa da canali interni....
Quindi una città-isola percorsa da canali, attraversati da quattro ponti che nel tempo sono stati tombati per lasciar posto alle strade carrozzabili, prima sterrate poi d'asfalto.....

Il Duomo

Caorle, che per mille anni fu Sede Vescovile, eresse il suo grande duomo nel 1038 che nasce insieme alle cattedrali lagunari di Torcello, Equilio, San Marco in Venezia.
Entrando nell'antico edificio, ciò che colpisce immediatamente è l'imponenza delle 18 colonne e pilastri collegate da ritmiche arcate, disposte in doppia fila di 9 per parte, con alternanza di pilastri in cotto a colonne marmoree di stile greco. Tra i molti preziosi tesori conservati al suo interno e nell'attiguo Museo Liturgico, soprattutto la Pala d'Oro, paliotto di sei formelle provenienti forse da Cipro, donata alla cattedrale, come vuole la leggenda, dalla regina di Cipro Caterina Cornaro nel 1489. Di pregevole fattura anche le sei tavole in stile bizantino raffiguranti gli apostoli, rimaste dall'iconostasi del secolo XIV, attribuite alla Scuola di Paolo Veneziano. E ancora "L'Ultima Cena", una tela del 1672 del pittore Gregorio Lazzarini. Tra i reperti lapidei romani, l'ara del I secolo a.C. della famiglia Licovi, che il basamento dell'altare del Santissimo.
Accanto alla cattedrale si erge maestoso il campanile, da sempre simbolo della città.
Alto 48 metri e di forma cilindrica, è stato edificato pochi decenni successivi alla cattedrale, all'incirca nell'anno 1070. Nel corso del 2000, anno giubilare, Piazza Vescovado acquista una nuova immagine in seguito alla ripavimentazione e al recupero, in un suggestivo porticato, degli affreschi dell'oratorio di San Rocco demolito, così come il battistero Madonna delle Grazie antistante il duomo.


Museo Liturgico

Attraverso i giardini della canonica della Cattedrale si accede al Museo Liturgico che ha occupato lo spazio un tempo destinato alla cappella privata dei vescovi. La sua fondazione risale alla metà degli anni Settanta.
Nel suo interno sono accolti paramenti sacri e reliquie antiche che consentono di conoscere più da vicino l'arte dell'oreficeria ecclesiastica nella fascia dell'Alto Adriatico dal Basso Medioevo all'Ottocento.
Un'arte in forte evoluzione che mostra spesso di risentire delle influenze stilistiche della vicina Venezia. Il materiale raccolto è composto da numerosi argenti e da qualche pezzo in rame. In particolare si tratta di oggetti d'epoca medievale, di pezzi del Cinquecento, di argenti del Sei e Settecento e di testimonianze più recenti che coprono il periodo che va dal barocco al neoclassico.
Tra i reperti di maggior interesse e suggestione sono senz'altro i resti del Santo al quale è dedicata la Cattedrale. Si tratta del cranio e del sangue di Santo Stefano Protomartire.
Ma nel tempo il Museo ha anche una vasta serie di elementi di grande valore artistico legati alla liturgia. Un esempio è offerto da un encolpion- reliquiario bizantino del Duecento, e da un altro reliquiario che appartiene allo stesso secolo d'argento dorato con pietre dure e dal reliquiario gotico del Preziosissimo Sangue. Le vetrine custodiscono pure l'anello dei vescovi di Caorle, ostensori, candelabri e croci processionali.


Il Santuario della Madonna dell'Angelo

E' stata forse la prima chiesa di Caorle, un'antica devozione lega i pescatori di Caorle all'immagine della Vergine, diventata loro protettrice.
L'affresco nella volta del soffitto, ritrae i pescatori di Caorle sbalorditi dinanzi alla statua lignea della Madonna con in braccio il bambino, in mare aperto e, sulla parete destra, un pesante basamento in pietra d'Istria che la leggenda vuole essere stato il pozzetto su cui la sacra effige galleggiava al largo sulle onde. L'iscrizione sulle due crocette poste ai lati del portone d'ingresso, asserisce che nella spaventosa inondazione del 31 dicembre 1727 l'acqua del mare arrivò all'altezza di un metro e 60 senza che una sola goccia penetrasse nel santuario.
Con ogni probabilità la prima chiesa edificata sul promontorio che domina l'antico porticciolo della Sachèta, è stata opera dei cittadini concordiesi sospinti fin qua dalla furia di Attila nel 402.
Quella che vediamo oggi risale al 1751, il vescovo Francesco Trvisan Suarez esaudì le richieste dei pescatori e , in sostituzione della vecchia chiesa a tre navate, ridotta ad un rudere, fece costruire una chiesa ad una sola navata dedicata alla Madonna dell'Angelo.


Archeologia

Sono numerose le testimonianze del passato romano e preistorico di Caorle che continuano ad esserci restituite dall'entroterra e dal mare. La scoperta dell'Alto Adriatico come mare archeologico è piuttosto recente.
Un importante capitolo della storia archeologica dell'Alto Adriatico inizia nella primavera del 1992, quando è stato segnalato al ministero dei Beni culturali il rinvenimento di un relitto in mare aperto.
....il relitto, che giace da oltre duemila anni nell'Adriatico, si trova a 25 metri di fondale, è lungo quasi 23 metri con una larghezza massima di quasi 9..... Le cinque anfore recuperate consentono di datare il relitto tra la fine del II e gli inizi del I secolo a.C. ...

La consistente raccolta di attrezzi e oggetti attinenti la vita marinara di varie epoche fa ritenere che il mare di Caorle custodisca numerosi relitti ed imbarcazioni grandi e piccole, romane e post-classiche, che verranno sicuramente scoperte nel corso di future campagne subacquee.

La ricchezza archeologica del territorio di Caorle e, soprattutto, le prospettive di ricerca nel tratto di mare compreso tra la foce del Piave e la foce del Tagliamento, hanno convinto la Soprintendenza Archeologica per il Veneto e il Comune di Caorle ad avviare congiuntamente un progetto di un nuovo museo da destinare all'archeologia subacquea del Veneto orientale. Il Museo nazionale di Archeologia Subacquea troverà sede nell'ex Azienda agricola Chiggiato, in località Sansonessa, all'entrata di Caorle.


Altre Chiese da visitare

Chiesa Madonna del Rosario di Pompei (Capoluogo)
Chiesa di S. Giovanni Battista (Ca' Corniani)
Chiesa Della Resurrezione (Ca' Cottoni)
Chiesa di Santa Maria Elisabetta (Brian Via Briana Mare)
Chiesa di S. Giorgio di Livenza
Chiesa del SS. Nome di Maria (Località Marango)
Chiesa di S. Gaetano Thiene (Loc. S. Gaetano)
Chiesa di S. Bartolomeo (Brussa)


Entroterra

I terreni bonificati dal lavoro e l'ingegno dell'uomo, oggi sono impiegati nelle coltivazioni agricole estensive e vitivinicole.
Le località rurali e residenziali sono la moderna e popolosa frazione di San Giorgio di Livenza.... le frazioni di Villaviera, Castello di Brussa e Brussa, legate all'attività agricola e oggi alla rinnovata vocazione ambientale dell'ambito della laguna e di Valle Vecchia; E poi i borghi rurali di Ca' Corniani e Ca' Cottoni, la cui storia è imperniata sull'epopea delle bonifiche effettuate nell'800 e negli anni seguenti con la presenza della triestina Società delle Assicurazioni Generali (oggi Genagricola), che qui ha dato grande impulso all'agricoltura realizzando un progetto di produzione sperimentale e raggruppando in comunità molti dei coloni impegnati nell'opera di bonifica di terreni.
La Generali diede impulso soprattutto al borgo rurale di Ca' Corniani, situato a 3 chilometri da Caorle risalendo il fiume Livenza, dove furono edificate per i coloni e mezzadri due corti che rappresentano un interessante modello di architettura rurale veneta e che meritano di essere visitate. Di grande pregio la cantina, dove vengono prodotti ed invecchiati ottimi vini.
Discorso del tutto opposto per San Gaetano, che si trova invece 5 chilometri a nord di Caorle, a ridosso della laguna. Questa è stata la terra dei nobili Franchetti; qui il barone Raimondo tentò di realizzare un grande centro aziendale agricolo, forse sul modello autarchico dell'Alvosopoli di Alvise Mocenigo, ma ci riuscì solo in parte ed oggi non resta di importante che il 'palazzo padronale'. San Gaetano fu comunque famosa tra gli anni '50 e '60 per le battute di caccia nella Valle Grande o Valle Franchetti della nobiltà veneziana e di notissimi personaggi americani come Henry Fonda ed Ernest Hemingway, lo scrittore americano premio Nobel per la letteratura, che qui trovò ispirazione per il suo romanzo "Di là del fiume, tra gli alberi", nel quale narra le vicissitudini di un colonnello americano e di una nobile e bella ragazza veneziana nell'immediato dopoguerra, soffermandosi ampiamente sui luoghi, le persone e le tecniche della caccia invernale alle anitre selvatiche. A San Gaetano i più anziani ricordano ancora le giornate dedicate alla caccia e alle feste nella casa valle o nel 'palazzo', di questi illustri ospiti.

Gastronomia
Il Pesce In Tavola
Il pesce delle valli, della laguna e del mare è alla base di una serie di piatti tipici, consolidati da una tradizione che si è sviluppata sulla grande disponibilità di pescato fornito quotidianamente dalla flotta peschereccia e dalla capacità dei ristoratori locali di proporre pietanze saporite a base di prodotto freschissimo.Qui è forte l'influenza veneziana: da tempi immemorabili fritture zuppe, ma anche arrosti sulle braci, fanno da padroni sulle tavole nei giorni di lavoro e nei giorni di festa. Una vera e propria gastronomia "da ristorante" si è sviluppata solo in anni recenti, grazie al turismo, con la rivisitazione delle ricette dei pescatori dove la polenta bianca e calda, appena scodellata oppure arrostita sulla graticola - è l'accompagnatrice obbligatoria di ogni piatto di buon pesce.
La zuppa di pesce, è sicuramente tra le portate più apprezzate anche perché fatta con qualsiasi tipo di pesce, saporitissima appunto per la sua varietà di gusti, ma più famoso è il "Broéto caorlotto", il piatto-base dei pescatori nei lunghi periodi di trasferta nei casoni, con la caratteristica dell'utilizzo di "pesce povero", quel pesce cioè che non si sarebbe venduto.
Un altro piatto tipico sono le famose "sardèe in saòr", sardine fritte e messe a macerare con olio, cipolla soffritta, sale e aceto. Piatto delicato e forte allo stesso tempo, un'invenzione dei poveri. Anche lo "spèo de bisàto" (spiedo d'anguilla) è una vecchia ricetta del casón di valle.
I pescatori tagliavano le anguille a pezzi senza recidere completamente la pelle, le salavano e le infilzavano con lunghi spiedi di legno a loro volta infilzati sul fondo di creta del focolare che fungeva da isolante. Con l'uso della pasta, introdotta recentemente nella dieta dei pescatori, sono subito diventati famosi gli spaghetti con le vongole, con le cozze, con l'astice, per non parlare della grande versatilità del riso per risotti di incomparabile sapore: ai frutti di mare, con il nero di seppie, con i gò, con l'anguilla e, recentissimo, il risotto di gamberi e fiori di zucca. Infine, non sono da tralasciare le sogliole e le passere ai ferri o fritte, branzini, orate, cefali e ancora seppie in umido con la polenta, calamari fritti, cappe sante, cappe lunghe, capparozzoli, gransèole, scampi, schìe.


Ristorante La Ritrovata 30021 Caorle (Ve), Via dei Casoni 8 tel. +39 0421 210001 fax +39 0421 217134 info@laritrovata.com

HISTORY

The historical and cultural identity of Caorle is without doubt symbolized by the town's thousand-year-old Cathedral and majestic bell tower, which have greeted visitors from the rest of Italy and beyond from time immemorial. Tourists may enjoy a leisurely walk through the streets of the old town after a day spent by the sea, discovering the hospitality of this unmistakably Venetian village. Once a loyal subject of the Venetian Republic, today Caorle is one of the most beautiful seaside resorts in Italy. The town has preserved the typical flavor of a fishing village bound to ancient traditions, in spite of the fact that it is a modern tourist attraction known throughout Europe.
The origins of the town can be traced back to the time of the Roman Empire, when the current-day port at Falconera was known as Portus Reatinium, and boats traveling up the Lemene River to the Roman cities of Julia Concordia and Opitergium docked here. The area was first settled long before that, however. Settlements dating back to the Bronze Age have been discovered in the countryside near San Gaetano. The exciting discovery of an old Roman ship from the first century A.D. was made off the shore of Caorle in 1992. The ship was still loaded with its precious cargo of vessels.The origin of the town name is not certain, just as we do not have a complete picture of the ancient history of the place. It is thought that the early name "Caprulae" was given to the town because there were goats here, or perhaps because the pagan goddess Capris was popular here. The name Bella Petronia is thought to have originated in honor of the Latin writer Petronius Arbitrius, who lived in the first century A.D. and whom some scholars believe was the first tourist to visit these shores.
After the fall of the Roman Empire, Caorle became one of the most important towns along the coast near Venice. It made an important contribution to the founding of Venice when people from the remote islands in the lagoon found refuge here from the barbarians that invaded and destroyed Aquileia, Concordia, Oderzo, Altino, and Padua. Caorle was made the Episcopal seat, and the Cathedral was built in 876 by Bishop Leone. The churches in the area were completed in the year 1000. Throughout the following centuries, the town grew and flourished, providing ships and sailors for the Venetian Republic. Caorle fell into decline at the time of the fall of the "Serenissima". Following rule by Austria in the nineteenth century and two world wars in the twentieth century, renewal began in Caorle in the 1950's, stimulated by the tourist business, which brought development and a high standard of living to the area within several decades.


A TOUR OF THE TOWN
ARCHEOLOGY
An important chapter in the study of the upper Adriatic Sea as an archeological site began in the spring of 1992, when an old Roman ship was found in the open sea. The boat is almost 23 meters long and 9 meters wide, and lies on its side at a depth of 25 meters. It is still loaded with hundreds of old amphorae that are in good condition due to the fact that the ship sank to the bottom of the sea in more or less an upright position. Five of these ancient vessels were removed from the ship, and have allowed archeologists to date the shipwreck to the end of the second century or the beginning of the first century B.C. A dark film that covers the walls of the boat has led to the almost certain belief that it was transporting wine. The boat was probably traveling north to that great business center known as the "Northern Rome", or the old city of Aquileia.
CAORLE CATHEDRAL - Caorle served as Episcopal seat for a thousand years, and its great Cathedral was built in 1038, at the same time as other cathedrals were built in the lagoon area, such as those of Torcello and Equilio, and St. Mark's of Venice. As one enters the ancient building, one is immediately struck by the grandeur of the 18 columns and pillars which are linked together by well-spaced arches. They are placed in a double line with 9 columns on each side, with brick pillars alternating with Greek-style marble columns. Among the many precious treasures housed in the Cathedral and the adjacent Liturgical Museum, is the Golden Altar-piece. It is made up of six tablets thought to be from Cyprus, which according to legend were donated to the Cathedral in 1489 by the Queen of Cyprus, Catarina Cornaro.
THE LITURGICAL MUSEUM - The museumis located in what was once the bishops' private chapel, on the other side of the rectory lawn. The museum was opened in the mid-1970's. It houses sacred vestments and very old relics that provide a closer look at the art of ecclesiastic jewelry in the Upper Adriatic region from the Dark Ages to the nineteenth century. The pieces demonstrate an art that was constantly evolving, and often influenced by styles in nearby Venice. Much of the material in the museum consists of pieces made of silver, with some copper pieces as well. One of the most interesting exhibits is the cranium and blood of St. Stephen the Martyr, to whom the Caorle Cathedral is dedicated.

TRADITIONAL CUISINE
Fish from valley streams, the lagoon, and the sea make up the basic ingredient for many typical dishes from Caorle. The culinary traditions of the area developed in connection with the large daily supply of fish brought in by the local fleet, and the ability of local chefs to concoct delicious dishes with the fresh fish. The Venetian influence is felt strongly, and from time immemorial, fried seafood, fish chowder, and even charcoal grilled fish, have been featured on the everyday dinner table and at holidays. What may be called true "restaurant gastronomy" has developed only in recent years, due mainly to an influx of tourists to the area. This has led to the re-elaboration of old fishermen's recipes calling for piping hot "white polenta", freshly cooked or roasted on the grill, as a must with every good seafood dish. Fish chowder is certainly one of the most popular dishes. It is made using all types of fish, which explains its extremely savory flavor. The most famous dish in Caorle is "Broéto Caorlotto". This was the fishermen's staple food during their long periods in their huts by the sea, and was made using "poor fish", or the part of the catch that could not be sold. Another traditional dish from Caorle is "Sardèe in Saòr", which is fried sardines marinated in olive oil, sautéed onion, salt and vinegar. This delicate yet strong- flavored specialty was a peasant invention. "Spèo de Bisàto", or eel shish kebab, is also an old recipe that originated in the fisherman's hut. Fishermen used to chop eels into pieces without cutting through the skin completely. They would then put them on long wooden skewers and place these on the clay back of the oven, which served as a heat insulator. Pasta has been introduced only recently to the fisherman's diet, and spaghetti with clams, mussels, and lobster has immediately become very popular. Rice is an extremely versatile staple, and is used to prepare risottoes of incomparable flavor, made with seafood, cuttle-fish, "gò", eel, and recently with shrimp and zucchini blossoms. Not to be overlooked by any means are the delicious grilled or fried sole, plaice, sea bass, bream, mullet, stewed cuttle-fish with polenta, fried squid, scallops, razor shell and carpet shell clams, and scampi.


Ristorante La Ritrovata 30021 Caorle (Ve), Via dei Casoni 8 tel. +39 0421 210001 fax +39 0421 217134 info@laritrovata.com